Fonte: Servizi del Parlamento 3003 Fonte: Servizi del Parlamento 3003 EXPO 2015 - Esposizione fotografica - 150 ritratti di scrittori e intellettuali di lingua italiana  Più posto per l’italiano USI – Settimana della Svizzera italiana - 2014 L'italiano sulla frontiera - Basilea, 9-10 maggio 2014 Bellinzona, 20 ottobre 2017 Expo 2015 - Totem RSI dedicato alla lingua e cultura italiana in Svizzera Lugano, USI, Italiamo 2016 © swissworld.org Coira 25 gennaio 2014: Assemblea del Forum 4 marzo 2014 – 8035 firme per Avanti con l’italiano nel Canton Argovia Milano EXPO 2015 - 24 ottobre 2015: Assemblea del Forum Con Ignazio Cassis il 20 settembre 2017 la Svizzera italiana torna in Consiglio federale San Gallo 25 novembre 2017: Assemblea del Forum I vincitori del Concorso 'Chi ci capisce è bravo!' San Gallo 25 novembre 2017

Riforma della formazione commerciale in Svizzera

ottobre 2020

Il Forum per l’italiano in Svizzera ha preso posizione con uno scritto in merito alla riforma in atto della formazione commerciale delle apprendiste e degli apprendisti che scelgono questo indirizzo formativo. In base alle informazioni in possesso del Forum la riforma prevede un sostanziale cambiamento nelle disposizioni che regolano l’insegnamento delle lingue. In pratica come seconda lingua d’insegnamento si prospetta di dare spazio ad una “prima lingua straniera”. Così facendo sarebbero penalizzate nelle diverse regioni linguistiche le lingue nazionali (tedesco, francese, italiano) a solo vantaggio dell’inglese. Questa impostazione va in senso diametralmente opposto agli sforzi intrapresi dalla Confederazione e dai Cantoni, come pure da numerosi enti e associazioni, per promuovere le lingue nazionali.

Ne consegue l’invito del Forum affinché nelle nuove disposizioni sia indicato con vigore il principio secondo cui “... la seconda lingua insegnata deve essere una lingua nazionale...”. Destinatari della presa di posizione del Forum sono stati i Consiglieri federali Berset e Parmelin; la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione SEFRI; l’Ufficio federale della cultura; la CDPE, le autorità cantonali e la Conferenza svizzera dei rami di formazione e degli esami commerciali.

Qui di seguito lo scritto inviato.

» documento

Il Totem all’ASP del Canton Turgovia

settembre 2020

A inizio settembre ha avuto luogo l’inaugurazione presso l’Alta scuola pedagogica di Kreuzlingen (TG) del Totem sulla lingua e la cultura italiana che il Forum mette a disposizione degli enti e delle sedi scolastiche interessate. Alla presenza di una quarantina di studenti e studentesse la dr. Rothenberger, docente di didattica dell’italiano, ne ha illustrato i contenuti. Il Totem resterà nel Canton Turgovia per alcuni mesi ed è accompagnato anche da due Tablet per un’utilizzazione in classe.

Qui di seguito alcune immagini dell’inaugurazione.

L’italiano nel sistema educativo svizzero

settembre 2020

E’ di recente pubblicazione questo studio elaborato dalla cattedra di Didattica integrata del plurilinguismo dell’Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Sotto la direzione di Vincenzo Todisco e con la partecipazione di altri ricercatori e ricercatrici è stato possibile fornire un quadri dettagliato sull’offerta dell’italiano dalla scuola dell’infanzia alle cattedre universitarie e ai corsi per adulti, passando per i percorsi bilingui e la formazione degli insegnanti.

Dati e statistiche completano questo interessante rilevamento che illustra la presenza e la non presenza dell’italiano nel panorama educativo elvetico.

Per maggiori informazioni si rinvia al documento allegato.

Palazzo federale a Berna : Giornate del plurilinguismo dal 21 al 26 settembre 2020

settembre 2020

La Giornata europea delle lingue, che il Consiglio federale desidera celebrare anche quest’anno nell’ambito dell’Amministrazione federale il 26 settembre 2020, cade di sabato. Per dare la necessaria attenzione al tema e consentire uno svolgimento adeguato, l’iniziativa si terrà sull’arco di una settimana, dal 21 al 25 settembre 2020.Il personale dell’Amministrazione federale, i dipartimenti e le loro unità amministrative sono pertanto invitati ad aderire alle Giornate del plurilinguismo – E tu, come lo dici?, organizzate e coordinate dalla Delegata federale al plurilinguismo. Strutturate come una Caccia al tesoro: alla ricerca dei tesori elvetici, le giornate saranno caratterizzate da numerose attività e il personale della Confederazione potrà dedicarsi alla promozione del plurilinguismo, delle culture e delle lingue minoritarie, scegliendo con agio e spazio il modo e il momento più opportuni per parteciparvi.

» Per maggiori informazioni

Posti vacanti della Confederazione e direttive in materia di promozione del plurilinguismo

agosto 2020

Il 12 giugno 2020 il Consiglio federale ha approvato gli obiettivi strategici 2020-2023 per la promozione del plurilinguismo in seno all'Amministrazione federale. Un obiettivo strategico è definire gli orientamenti del rapporto quadriennale 2020-2023 sulla promozione del plurilinguismo. Nell'ambito di questi lavori sarà presa in considerazione la richiesta espressa nella mozione accolta dal Consiglio federale e gli indicatori auspicati sul reclutamento del personale figureranno nel rapporto quadriennale 2020-2023.

Inoltre, sempre il 12 giugno 2020, il Consiglio federale comunica che il resoconto sull’osservanza delle direttive, chiesto nel postulato, nonché la verifica di un'eventuale necessità di adeguare le istruzioni del Consiglio federale saranno effettuati nell'ambito del rapporto quadriennale 2020-2023 sulla promozione del plurilinguismo nell'Amministrazione federale.

Preoccupazioni per la riforma per la formazione degli impiegati di commercio

luglio 2020

Un apposito gruppo di lavoro a livello federale sta elaborando una possibile riforma della formazione commerciale che in Svizzera coinvolge annualmente circa 40 000 giovani in ogni regione del Paese. Recentemente la Pro Grigioni italiano ha manifestato le proprie preoccupazioni riassunte in uno scritto molto convincente indirizzato al Consigliere federale Ignazio Cassis. Quanto evidenziato dalla PGI è condiviso dal Forum per l’italiano in Svizzera che affronterà il tema nella seduta di Comitato del prossimo settembre. Se attuata la riforma indebolirà il plurilinguismo svizzero e penalizzerà sia il francese sia l’italiano ad esclusivo vantaggio dell’inglese. Una scelta questa che sarebbe incoerente rispetto alle indicazioni del Consiglio federale di promuovere le lingue nazionali e di sostenere l’italiano anche al di fuori della Svizzera italiana. Qui di seguito si può leggere il documento della PGI.

» documento

Ricerca sull’italiano: grazie a chi ci ha sostenuto

giugno 2020

Lo scorso anno il Forum per l’italiano in Svizzera ha conferito all’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana (OLSI) e al Dipartimento formazione e apprendimento (SUPSI-DFA) il mandato d’individuare degli indicatori che permettano di verificare se e in quale misura l’obiettivo del Forum, ovvero «la corretta collocazione entro il 2020 dell’italiano nel quadro del plurilinguismo costituzionale della Svizzera» sia stato o meno conseguito. L’analisi è in corso e i risultati saranno presentati in occasione dell’Assemblea del Forum del 28 novembre a Zurigo.

L’esito dello studio e gli indicatori individuati permetteranno di mettere a confronto la situazione del 2012 (anno di avvio del Forum) con quella attuale, come pure di delineare gli scenari per il futuro dell’italiano in Svizzera.

Il finanziamento di questa ricerca è stato in larga misura coperto dal generoso sostegno di enti e organizzazioni che qui si ringraziano e si menzionano:
Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport TI; Dipartimento dell'educazione, cultura e protezione dell'ambiente GR; CORSI (Società cooperativa per la radiotelevisione svizzera di lingua italiana); Accademia svizzera di scienze umane e sociali (ASSH); Migros Ticino.

Il Forum scrive alle Commissioni parlamentari

aprile 2020

Prenderà avvio a breve l’esame da parte delle Commissioni della scienza, dell’educazione e della cultura del Messaggio sulla cultura 2021-2024 recentemente approvato dal Consiglio federale. Sia la commissione del Consiglio nazionale che quella del Consiglio degli stati approfondiranno il contenuto di questo importante documento che definisce gli obiettivi e i mezzi finanziari concessi dalle autorità federali, mezzi che - nel corso del quadriennio 2021-2024 - registreranno una crescita annua del 2,6%, con un incremento complessivo di 34,7 milioni di fr. e per un importo globale destinato alla cultura di 934,5 mio. di fr.

Il Forum, che aveva partecipato attivamente alla procedura di consultazione, ha scritto ora alle due commissioni parlamentari per evidenziare alcune aspettative riguardanti il plurilinguismo nel nostro Paese, con particolare riferimento alla promozione della lingua e cultura italiana. Qui di seguito lo scritto inviato.

» documento

Cantone dei Grigioni: conclusa l'analisi della situazione relativa alla promozione delle lingue in seno al Cantone

marzo 2020

Il Governo ha preso atto del rapporto relativo alle prese di posizione dei servizi e delle istituzioni linguistiche riguardo al rapporto di valutazione del Zentrum für Demokratie Aarau (ZDA) del 31 marzo 2019, avente ad oggetto la promozione delle lingue nel Cantone dei Grigioni.
Nel mese di marzo 2019 l'Ufficio federale della cultura ha pubblicato il rapporto relativo alle misure volte a conservare e a promuovere la lingua e la culturaromancia e italiana nel Cantone dei Grigioni. Il Dipartimento grigionese dell'educazione, cultura e protezione dell'ambiente (DECA) ha in seguito invitato i servizi e le istituzioni direttamente menzionati nel rapporto a prendere posizione in merito alle critiche mosse e ai suggerimenti formulati nel rapporto. Dalle singole prese di posizione emergono in sostanza la consapevolezza dell'importanza del trilinguismo cantonale e anche la disponibilità a contribuire a rafforzare ulteriormente la presenza delle due lingue cantonali minoritarie romancio e italiano, nei limiti di quanto previsto dalle disposizioni di legge nonché delle risorse in termini di personale e finanziarie. I servizi e le istituzioni linguistiche interessati hanno inoltre illustrato i margini di manovra operativi e le possibili iniziative risultanti dall'attività pratica quotidiana.
L'analisi della situazione è ora conclusa e nella prossima fase si tratterà di sfruttare le informazioni raccolte e di formulare provvedimenti concreti attuabili. Il Governo ha commissionato al DECA l'elaborazione di un corrispondente rapporto che contenga provvedimenti concreti relativi ai diversi settori dell'attività statale (politica, amministrazione, formazione, media, economia, cultura e altri).

Rassegna stampa

Ottobre anno 2020

Les Uranais «se promènent» en italien. Le Courrier, 1 ottobre 2020
» documento

La giornata del plurilinguismo a Berna, Die Südostschweiz, 7 ottobre 2020
» documento

Destinazione Svizzera italiana: una lingua nazionale, due cantoni, più identità, DFAE, 14 ottobre 2020
» maggiori informazioni

Cara lingua italiana come stai? RSI Rete uno, 19 ottobre 2020
» maggiori informazioni

I nemici della nostra lingua, La Rivista di Locarno, ottobre 2020
» documento

Documentazione

Raccolta della documentazione che tratta la
promozione della lingua italiana e della sua
cultura in Svizzera

Attività

Eventi, video ed immagini legati alla promozione
della lingua italiana e della sua cultura in
Svizzera

Contatti

Forum per l'italiano in Svizzera
c/o Diego Erba
Casella postale 322
6604 Solduno
diego.erba@bluewin.ch